Home » Trasferimento maxi yacht Porquerolles, Baleari, Canarie (aut. ’17)

Trasferimento maxi yacht Porquerolles, Baleari, Canarie (aut. ’17)

porq-canarie-rotta

 

CARATTERISTICHE

Trasferimento di Moromu, il nostro maxi yacht a vela di 18,5 metri.

1.500 miglia sono un bel colpo da inserire nel vostro libretto di navigazione. Dall’arcipelago di Porquerolles, percorreremo la costa francese e poi quella spagnola, con tappa alle Baleari dove faremo una meritata sosta; dopo aver passato Gibilterra punteremo la prua a sud-ovest verso le Canarie dove passeremo tutto l’inverno (che inverno non è… ☺). L’esperto equipaggio già confermato permetterà anche a velisti meno esperti di cimentarsi in questa importante esperienza. Navigazione notturna a vela, turni di guardia, riconoscimento della costa, studio e pianificazione della rotta, gestione di equipaggio, cambusa e acqua… e tanto altro da imparare ma soprattutto da vivere. Affrontando con il rispetto dovuto il Mare Nostrum e poi l’Atlantico.

Imbarcazione a vela con 4 cabine doppie con bagno privato + cabina marinai a prua.

PIANO CROCIERA:
  • Imbarco e sbarco: Porquerolles – Baleari – Canarie
  • Durata: approssimativamente 18 giorni con partenza a metà settembre
  • Imbarcazione: Maxi Yacht da 18,5 metri – 4 cabine doppie – 4 bagni + cabina equipaggio
  • Quota individuale per ogni tratta: € 180

Il trasferimento può essere diviso in 3 tratte comunque indicative:

a) Porquerolles – Baleari (350 miglia – 5 giorni)

b) Baleari – Gibilterra (400 miglia – 6 giorni)

c) Gibilterra – Canarie (700 miglia – 7 giorni)

 

La quota Comprende: skipper, sistemazione in cabine doppie, tender con fuoribordo, programma di navigazione, pulizia finale.

La quota non comprende: viaggio fino al luogo d’imbarco, cambusa, carburante, eventuali porti e quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

NB: Gli itinerari riportati sono un’indicazione di massima della rotta, in quanto per sua stessa natura il viaggiare per mare rende impossibile rispettare una programmazione dettagliata degli itinerari tanto in anticipo, a causa delle condizioni meteo-marine. Di solito lo skipper ha già un’idea di quali saranno le condizioni meteo generali per i successivi 4-5 giorni. A quel punto l’itinerario verrà costruito dettagliatamente. Per motivi di sicurezza il giudizio dello skipper, per quanto riguarda la navigazione e le eventuali variazioni al programma, è insindacabile.